Montecassino sVincenzo 5

Un Abate è prima di tutto un padre, un padre per i confratelli monaci del suo monastero e poi per quanti a lui si rivolgono. Ed è proprio così che l'Abate Donato si è posto e si pone nei confronti del gruppo di giovani che da circa un anno incontra periodicamente per meditare e riflettere su alcuni temi delle Scritture e della Regola di San Benedetto.

Sono i giovani che svolgono da anni volontariamente il servizio d'ordine nel Monastero durante le celebrazioni per S.Benedetto nel mese di marzo e che hanno voluto cominciare questo cammino accompagnati anche dal loro referente, Edmondo Mascioli, che ha fortemente